Mondo Web

La logistica al servizio dell’e-commerce

Snack del 16 novembre 2015
Condividi con

Come capita a chi opera nel nostro settore, parliamo quasi sempre di mondo virtuale: il digital noi lo portiamo addirittura nel nostro nome. Siti web, social media, digital customer experience, e-commerce sono però un involucro dietro il quale si nascondono processi fisici, manuali, estremamente umani. In particolare mi soffermo oggi sugli aspetti logistici.

Il processo di acquisto online, estremamente semplificato e banalizzato, si può riassumere come: Cerco, Mi informo, Scelgo, Ordino, Pago, Ricevo, Uso.
Effettivamente, dal punto di vista dell’acquirente questa è sempre meno una banalizzazione e sempre più la realtà. La parola semplicità è ormai alla base del successo. Ricerca guidata, memorizzazione dei dati di spedizione e fatturazione, acquisti One-Click: in ogni modo si cerca di rendere istintivo l’acquisto.

Nel back-end però, tra il Pago ed il Ricevo, e dal Ricevo in poi, si nasconde un ulteriore fattore critico di successo: la logistica.

Un mercato che è sempre stato peculiarmente B2B, grazie all’e-commerce si sta affermando anche nel B2C. È vero che attualmente solo il 4% del mercato retail viene soddisfatto online ma, considerando che in UK incide per il 17%, è lecito aspettarsi importanti crescite.
La sfida per gli operatori logistici è quindi far dialogare tempi, distanze, costi elevati (relativamente), con le aspettative di una clientela abituata all’istantaneità. In questo senso stupisce che, secondo i dati raccolti dall’Osservatorio Contract Logistics (School of Management – Politecnico di Milano), l’attenzione degli operatori (sia committenti, sia fornitori) abbia ancora un forte baricentro sugli aspetti operativi piuttosto che verso quelli strategici. In un mercato costretto a raschiare il fondo per portare a casa marginalità, la differenza la faranno sicuramente strategia e innovazione.

D’altro canto, i committenti, produttori e retailer, dovranno scegliere l’architettura logistica che maggiormente asseconda i loro obiettivi, muovendosi tra due assi: presenza sul territorio e servizi a valore aggiunto, senza mai dimenticare l’eccellenza del servizio reso al cliente finale, che è quello che sancisce il successo di un sito di e-commerce.