Pensieri in Pillole

Allenarsi a uscire dagli schemi

Snack del 9 settembre 2014
Condividi con

La sveglia è sempre alla stessa ora, ogni giorno? Prendi sempre lo stesso treno, lo stesso bus o fai sempre la stessa strada per andare al lavoro? L’organizzazione sociale ci pone molto spesso dei paletti, costringendoci a rispettare schemi fissi: orario di scuola, orario di lavoro, corsi in palestra. A lungo andare tutto ciò ha un impatto negativo sulla nostra propensione a “pensare diverso”. Però possiamo allenare la nostra creatività. Possiamo esercitarci a uscire dai soliti schemi. Propongo qualche esempio, ma ognuno può trovare il metodo che più gli si adatta.

1. Sali in piedi sul tavolo
Lo insegnava già il professor Keating in “L’attimo fuggente”. Sali in piedi su un tavolo e guardati intorno: le tue sensazioni relative a ciò che ti circonda cambieranno sicuramente. L’uomo è tendenzialmente un animale comodo: nella quotidianità osserva il mondo minimizzando lo sforzo, facendo l’assunzione di poter cogliere tutti i dettagli con un solo sguardo. Usare prospettive diverse dà invece un quadro più completo.

2. Chiudi gli occhi e usa gli altri sensi
La vista è il nostro senso dominante. Ci fidiamo di ciò che vediamo, e tendiamo ad anestetizzare gli altri sensi. Sospendendo per qualche istante la vista, emergeranno udito, olfatto, tatto. Se sei in un parco farai caso a molti altri stimoli sensoriali. Con un po’ di pratica riuscirai a farlo anche senza chiudere gli occhi. In questo modo ti allenerai ad eliminare i tuoi filtri inconsci.

3. Scegli una parola a caso e trova almeno 5 sinonimi
Ciò che ci circonda non è monocromatico: è fatto di una infinità di sfumature fisiche, lessicali, cognitive. Non focalizzarti sulla prima sensazione, ma sforzati di sfumarla per trovare la tonalità più adeguata.

4. Scegli un grosso errore di valutazione che hai commesso nel passato, e pensa a come avresti potuto agire diversamente
Ultimo passo: trovare alternative arricchisce! Sviluppa sia la parte creativa sia quella razionale: invento l’alternativa, la analizzo, e sintetizzo se è valida o meno. Si tratta di un buon modo per applicare in un colpo solo quello che hai sperimentato con gli esercizi precedenti.